promotori_header_copy
sb_left
asdi_promotori
Iscriviti
iscriviti_pdl_copy

News

PDL, INDIGNATI? NOI CON GENTE, UN SUCCESSO IL TESSERAMENTO
''Grande successo della prima giornata nazionale del tesseramento del Pdl. Nel sabato che a Roma avrebbe dovuto essere degli 'indignati', il partito è tornato ad incontrare....


REGOLAMENTO PDL - PROMOTORI DELLA LIBERTA'

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI GRUPPI DI PROMOTORI DELLA LIBERTA'


REGOLAMENTO PDL - PROMOTORI DELLA LIBERTA'


CRITERI  DI  APPARTENENZA  E  FINALITÀ

Art. 1 - Soci
I “Promotori della Libertà” sono un’organizzazione interna al partito del Popolo della Libertà, organizzata su più livelli: nazionale, regionale, provinciale e cittadino.
Ne possono fare parte anche persone non iscritte al Popolo della Libertà.
I Promotori della Libertà dipendono direttamente dal Presidente Silvio Berlusconi, che li coordina attraverso il responsabile nazionale del Settore Iniziative Movimentiste del Pdl.
L’azione dei Promotori della Libertà è armonica e sinergica alle linee e agli obiettivi del partito del Popolo della Libertà.


Art. 2 – Finalità
Queste le finalità principali che si propone l’organizzazione dei Promotori della Libertà:
- sostenere il lavoro del Presidente Silvio Berlusconi, sia a livello di movimento di opinione sia con azioni concrete sul territorio che contribuiscano alla migliore conoscenza del suo operato sia diffondendo i valori di democrazia e libertà di cui è strenuo difensore

- sostenere il lavoro del Governo e spiegarlo ai cittadini

- sostenere l’attività del Popolo della Libertà

- organizzare incontri sul territorio per promuover la cultura della libertà e diffondere le idee e il punto di vista della nostra area politica

- sostenere le campagne elettorali

- promuovere e sostenere il tesseramento

- sostenere le manifestazioni e le campagne nazionali, oltre che le iniziative locali, anche attraverso l’organizzazione di banchetti e gazebo


ORGANIZZAZIONE DEI PROMOTORI DELLA LIBERTÀ

Art. 3 – Organizzazione Nazionale dei Promotori della Libertà

I Promotori della Libertà si riconoscono nel Presidente del Popolo della Libertà, Silvio Berlusconi, e secondo le sue indicazioni sono coordinati a livello nazionale dal responsabile del Settore Iniziative Movimentiste, in raccordo con il Coordinamento Nazionale e con il responsabile del Settore Tesseramento.

1) Il Presidente del Popolo della Libertà fissa le priorità, gli obiettivi e gli interventi per l’azione dei Promotori della Libertà

2) Al Responsabile delle Iniziative Movimentiste spetta il compito di:
- proporre e gestire attività, iniziative e campagne da sviluppare su tutto il territorio nazionale.

- organizzare e coordinare l’organizzazione dei Promotori della Libertà

- gestire il portale www.promotoridellaliberta.it, dove i promotori potranno incontrarsi e confrontarsi, ed eventuali altre iniziative mediatiche

- intervenire con eventuali provvedimenti di revoca, secondo quanto previsto dal regolamento


Art. 4 – Organizzazione territoriale

1) I responsabili  territoriali e tematici dei Promotori della Libertà sono nominati dal Presidente Silvio Berlusconi

2) Ai responsabili territoriali e tematici dei spetta il compito di: coordinare gli aderenti ai Promotori della Libertà e organizzarli sul territorio per  svolgere le attività previste dal regolamento

3) Il ruolo di Promotore della Libertà potrà essere immediatamente revocato qualora le attività poste in essere dallo stesso fossero in contrasto con la linea politica ed i valori del Popolo della Libertà

 

NORME  DI  ATTUAZIONE  E  TRANSITORIE

Art. 5- Entrata in vigore
Il presente Regolamento entra in vigore con l'approvazione del Presidente del Popolo della Libertà.

 

 

REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI GRUPPI DI PROMOTORI DELLA LIBERTA'


    1. Un Promotore della Libertà, la cui iscrizione sia stata convalidata in seguito alla verifica di avvenuto tesseramento al Pdl, può costituire un proprio Gruppo.

    2. Ogni Gruppo deve essere formato da almeno 10 Promotori, oltre a colui che lo ha costituito.

    3. I 10 componenti del Gruppo possono anche non essere iscritti al Pdl (mentre per chi costituisce il gruppo tale iscrizione è necessaria). In tal caso non sarà però per loro possibile avere accesso all'area riservata del sito, né avere alcun ruolo di rappresentanza.

    4. Il Promotore che costituisce un Gruppo assume ufficialmente il ruolo di "Capogruppo" e sarà responsabile dell'operato di tutti i suoi membri, oltre ad essere l'unica persona autorizzata a rapportarsi con le istituzioni ed i media in nome dell'organizzazione.

    5. I Promotori che avranno costituito un Gruppo saranno riuniti in un elenco allo scopo costituito e ad ognuno di loro saranno abbinati i nominativi dei componenti il suo gruppo.

    6. Il Promotore che costituisce un Gruppo ne dà notizia alla sede centrale (gruppi@promotoridellaliberta.it) unitamente ai nominativi dei componenti tale gruppo, che devono avere già effettuato l'iscrizione al momento di tale comunicazione, registrandosi sul sito www.promotoridellaliberta.it e compilando tutti i campi.

    7. Nel caso vi siano aderenti ai Gruppi dei Promotori della Libertà che non abbiano la possibilità di iscriversi attraverso internet, sarà compito del loro Capogruppo raccogliere tale adesione sui moduli cartacei predisposti dalla sede ed inoltrarli alla segreteria.

    8. Dovendo costituire Gruppi dei Promotori della Libertà in ogni sezione elettorale, è necessario che la denominazione assunta da ognuno di essi unisca un ulteriore elemento oltre al nome della città. Ad esempio "Promotori della Libertà Milano Duomo" oppure "Promotori della Libertà Milano + Nome di fantasia".

    9. I Circoli della Libertà e le altre associazioni affini possono aderire ai Promotori della Libertà secondo la seguente modalità: il presidente dovrà iscriversi sia al Pdl che ai Promotori, in quanto assumerà il ruolo di Capogruppo. I soci del Circolo dovranno iscriversi ai Promotori della Libertà, secondo le modalità precedentemente illustrate, e non sarà invece necessaria la loro iscrizione al partito (se pur consigliabile). Il Gruppo prenderà la denominazione del Circolo della Libertà. Ad esempio "Promotori della Libertà – Circolo + nome attuale".

    10. Il Gruppo dei Promotori della Libertà potrà essere immediatamente revocato qualora le attività poste in essere, anche da uno solo dei suoi componenti, fossero in contrasto con la linea politica ed i valori del Popolo della Libertà.